Manovra: dalla web tax al credito sui prodotti riciclati, le novità 2019 per le imprese

7 Gennaio 2019

Il 2019 si apre con una serie di novità per le imprese, varate con la legge di bilancio. Alcune per andare a regime hanno bisogno di decreti attuativi. Per esempio la web tax prevede due decreti da varare entro fine aprile: un decreto Economia e un provvedimento delle Entrate. Ecco, in sintesi, le novità introdotte dalla manovra.

Ace: abrogato il regime fiscale 
Abroga il regime fiscale in materia di aiuto alla crescita economica (Ace). Continuano ad applicarsi le disposizioni che consentono di utilizzare le eccedenze Ace pregresse per il periodo d'imposta 2018.

Credito prodotti riciclati 
Credito d'imposta del 36% delle spese sostenute dalle imprese per prodotti realizzati con materiali provenienti dalla raccolta differenziata degli imballaggi in plastica e per imballaggi biodegradabili e compostabili. Anni 2019 e 2020 (utilizzabile dal 1° gennaio del periodo d'imposta successivo agli acquisti)

Credito ricerca e sviluppo 
Agevolazione del 25% e del 50% a seconda della tipologia di spesa con una nuova modalità di calcolo. Da 20 a 10 milioni di euro l'importo massimo delle spese agevolabili ampliate a materiali direttamente impiegati nelle attività di ricerca e sviluppo.

Estromissione agevolata 
Si applica l'estromissione agevolata alle esclusioni dal patrimonio dell'impresa dei beni strumentali posseduti al 31 ottobre 2018, poste in essere dal 1° gennaio 2019 al 31 maggio 2019, con un'imposta sostitutiva sulle plusvalenze 
pari all'8%.

Formazione 4.0: arriva il restyling 
La manovra proroga di un anno l'applicazione del credito d'imposta formazione 4.0. La misura è modulata in base alla dimensione dell'azienda: 50% per le piccole imprese, 40% per le medie imprese e 30% per le grandi imprese.

Innovazione e iperammortamento 
Rientrano nell'agevolazione della maggiorazione del 40% i costi sostenuti a titolo di canone per l'accesso, mediante soluzioni di cloudcomputing, ai beni immateriali cui tale agevolazione già si applica, con specifiche limitazioni.

Iperammortamento 
La maggiorazione del costo si applica nella misura del 170% per investimenti fino a 2,5 milioni di euro, del 100% se compresi tra 2,5 e 10 milioni di euro e del 50% se compresi tra 10 e 20 milioni di euro (nessuna maggiorazione oltre i 20 milioni di euro).

Nuova Sabatini 
Rifinanziata con 48 milioni di euro per il 2019 la misura che sostiene gli investimenti per acquistare o acquisire in leasing macchinari, attrezzature, impianti, beni strumentali ad uso produttivo e hardware, software e tecnologie digitali.

Resto al Sud 
Viene alzata a 45 anni compiuti la soglia per poter accedere all'incentivo a sportello gestito da Invitalia che sostiene la nascita di nuove attività imprenditoriali nel Mezzogiorno, che diventa accessibile anche ai liberi professionisti.

Rivalutazione terreni e quote 
Prorogata la facoltà di rideterminare – in base a una perizia giurata di stima - i valori delle partecipazioni (sia qualificate che non), in società non quotate e dei terreni (sia agricoli sia edificabili) posseduti, mediante l'assolvimento un'imposta sostitutiva.

Sostitutiva sui beni strumentali 
Possibilità di assoggettare a imposta sostitutiva i beni immobili strumentali dell'impresa esclusi dal patrimonio dell'imprenditore posseduti
al 31 ottobre 2018. L'imposta dovrà essere pagata in due rate
(30 novembre 2019 e 16 giugno 2020). 

Web-tax: arriva un'imposta del 3% sui servizi digitali 
La manovra ha introdotto un'imposta sui servizi digitali del 3% sui ricavi per soggetti con un totale dei ricavi pari o superiore a 750 milioni di euro, di cui almeno 5,5 milioni realizzati nel territorio italiano per prestazione di servizi digitali. La normativa sarà operativa 60 giorni dopo il varo del decreto attuativo del Mef. 

Art. tratto da il Sole24Ore